"ARRIGONI E IL CASO DI PIAZZALE LORETO - MILANO, 1952" di dario crapanzano

E-mail Stampa PDF

pagg. 176 coll. I Tascabili Noir € 9,90

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO

CLICCA SU: ARRIGONI E IL CASO DI PIAZZALE LORETO


Milano, 1952. In una gelida mattina di dicembre, in una viuzza intorno a via Porpora, il corpo di una giovane e bella donna bionda viene ritrovato senza vita all'interno della sua Topolino amaranto: uccisa, come si scoprirà dall'autopsia, da una letale iniezione di cianuro. Si tratta di Gilda Dell'Acqua, proprietaria di un bar tabacchi in piazzale Loreto. L'inchiesta, condotta dal commissario capo del Porta Venezia Mario Arrigoni, coinvolge il pittoresco mondo dei frequentatori del locale, la gemella della vittima, uno zio sfuggente e lascivo, un attempato ed enigmatico marchese e signora, il gestore di una bisca clandestina, una splendida amica dai costumi disinvolti... Gli investigatori si muovono fra eventi dove fanno capolino eccitanti festini, relazioni ambigue, la droga e il gioco d'azzardo. Ma l'indagine non procede di un passo: non emergono moventi attendibili ne' tanto meno prove, e i sospetti si dissolvono come neve al sole. Arrigoni è ormai pronto ad alzare bandiera bianca e a chiudere l'indagine con un nulla di fatto, quando un brillante guizzo intuitivo dell'ispettore Giovine riapre i giochi creando le premesse per arrivare alla più impensabile e sconvolgente soluzione del caso.


L'autore Dario Crapanzano nasce a Milano, dove frequenta il liceo classico e si laurea in giurisprudenza all'Università degli Studi. Nel mezzo, si diploma all'Accademia d'Arte Drammatica Filodrammatici di Esperia Sperani, partecipando poi a diversi spettacoli con il Trebbo di Toni Comello. Inizia la sua attività lavorativa come redattore editoriale, entrando poi nel settore pubblicitario. Partito come copywriter, ottiene in seguito la direzione di un'importante agenzia americana, che lascia per fondare una propria struttura, acquisita successivamente per la parte maggioritaria dal Gruppo Havas. Qui, è amministratore delegato fino al 2005, anno in cui si ritira cedendo al Gruppo le sue quote residue. Ha scritto nel 1970 “A Milano con la ragazza...e no (guida sentimentale milanese)” e nel 2008 “Ciao, ipocondriaco (lettere a un malato immaginario)” editi da Accademia Vis Vitalis. Con Fratelli Frilli Editori ha pubblicato nel 2011 “Il giallo di via Tadino. Milano, 1950” (VI ed.) e nel 2012 “La bella del Chiaravalle. Milano, 1952” (IV ed.) e “Il delitto di via Brera. Milano, 1952” (II ed.).