Benvenuto in Frilli Editori

"IO NON CI STO" di ADELE MARINI (COEDIZIONE FELTRINELLI/FRATELLI FRILLI EDITORI)

E-mail Stampa PDF

pagg. 288 coll. INDIES € 18,00

Isbn 978807041075

IN BREVE

Vincenzo Marino, napoletano trapiantato a Milano, commissario della squadra mobile, ha un pessimo carattere. È diffidente fino alla paranoia, introverso, quasi asociale e per questo è poco amato dagli uomini della sua squadra. In compenso è dotato di un intuito formidabile. Davanti a un duplice delitto dai contorni torbidi, al magistrato che lo incarica delle indagini riassume la situazione con queste parole: “Qui ci sta puzza di Servizi”.

IL LIBRO

1992, nobildonna napoletana, Costanza Filomena Albani di Sansevero, moglie di un diplomatico belga accreditato presso la Santa Sede, vive con profondo scontento una vita sentimentalmente arida. Per dare un senso alla propria esistenza, gestisce con un’amica una piccola bottega di antichità religiose nel cuore di Roma. Un pomeriggio entra uno strano cliente che acquista un’icona russa “autentica” pretendendo di pagarla in contanti. Il cliente torna presto a trovarla, la circuisce con abilità e finisce per soggiogarla. Prende il via una strana relazione, basata esclusivamente sul sesso, che per Costanza si rivela quasi subito un biglietto di sola andata per un mondo che le è del tutto estraneo, fatto di illeciti finanziari, di incontri ravvicinati con il terrorismo internazionale e di misteriosi plichi passati di mano. Fra i tanti compiti che l’amante impone a Costanza c’è quello di servirsi  delle sue credenziali diplomatiche per operare su conti cifrati presso lo Ior, la banca vaticana il cui accesso è consentito a pochi. Tenuta costantemente al guinzaglio dal suo persecutore, la nobildonna contrabbanda valuta e informazioni riservate, ma quando intuisce che la vita dei suoi due figli piccoli è in pericolo, fa l’unica mossa che le è consentita: mette al sicuro le agende su cui ha annotato ogni cosa giorno per giorno… Vent’anni più tardi, nell’Italia delle stragi, dei fascicoli secretati e dei processi senza colpevoli, lo stesso oscuro personaggio che ha guidato Costanza verso la rovina torna allo scoperto, ma solo perché i suoi passi si incrociano con quelli del commissario della squadra mobile di Milano, Vincenzo Marino.

Adele Marini, bergamasca, vive e lavora a Milano. Giornalista professionista, specializzata in cronaca nera e giudiziaria, ha lavorato per importanti settimanali nazionali e collaborato a diversi quotidiani. Il suo primo romanzo: Il Consulente, uscito nel 1994, le ha aperto la strada per quel genere fra attualità e invenzione letteraria che gli anglosassoni chiamano non-fiction novel. Strada proseguita con Milano solo andata (2005), con cui ha vinto il “Premio Azzeccagarbugli 2006” e con Naviglio blues (2008), entrambi pubblicati in Italia dalla casa editrice Fratelli Frilli e in Germania da Random House-Goldmann. Nel 2013 ha pubblicato A Milano si muore così, con cui per la seconda volta, da pochi giorni, ha vinto il “Premio Azzeccagarbugli al Romanzo Poliziesco 2014” sempre con Fratelli Frilli Editore. Numerosi suoi racconti sono presenti in varie antologie, fra cui Alle signore piace il nero (Sperling & Kupfer) e Neronovecento (Cordero). In e-book, con l’editrice Milanonera, i due saggi: I fondamentali della scrittura d’indagine (2010) e Arriva la scientifica (2011). In Feltrinelli Indies, Io non ci sto. Le ombre del commissario Marino (2014), il suo quinto romanzo.

ADELE MARINI FA IL BIS E VINCE IL PREMIO AZZECCAGARBUGLI AL ROMANZO POLIZIESCO 2014 CON "A MILANO SI MUORE COSI'

E-mail Stampa PDF

Siamo lieti di comunicarVi che il PREMIO AZZECCAGARBUGLI al ROMANZO POLIZIESCO 2014 è stato vinto per la seconda volta questo venerdì 10 ottobre dalla nostra autrice ADELE MARINI con il romanzo " A MILANO SI MUORE COSI' ".
Sembra un romanzo ma purtroppo è drammaticamente tutto vero. Lei da giornalista vera, si è occupata di cronaca nera per 40 anni, scrive non fiction thriller con uno stile narrativo dettagliato ed elegante. "A MILANO SI MUORE COSI' " è un libro serio e al contempo importante perchè vuole raccontare e svelare i sistemi di potere che negli anni si sono insinuati al nord attraverso la 'ndrangheta con il ricatto e la ricettazione. Ci si scandalizza leggendolo, ma fa capire e approfondisce la nostra conoscenza sul tragico tema. Un romanzo che può aiutare a diventare, forse, cittadini più consapevoli e migliori. http://www.leccotoday.it/cronaca/il-premio-azzeccagarbugli-al-romanzo-poliziesco-va-ad-adele-merini.html

primo Classificato Premio Letterario Internazionale Montefiore

E-mail Stampa PDF

 

Congratulazioni al nostro bravo autore UGO MORIANO

1° Classificato al Premio Letterario Internazionale Montefiore

con il suo ultimo romanzo noir "L'INGANNO DEL TEMPO".

"PERTINI. PRESIDENTE PER SEMPRE" di Lucia Compagnino

E-mail Stampa PDF

pagg. 118 coll. I Tascabili Saggistica € 4,10

Isbn 9788875630904

A 118 anni dalla nascita, Sandro Pertini rimane un'immagine fresca di uno dei pochi uomini che che ha fatto della politica uno strumento per parlare agli italiani in maniera diretta e coerente, al punto da diventare, a volte, anche un... personaggio scomodo. Le testimonianze, raccolte a Genova e in Liguria, contenute nel libro della giornalista Lucia Compagnino, vogliono tener vivo il ricordo di quell'uomo onesto e rigoroso, che ha sacrificato gli anni migliori della sua vita per difendere i valori della libertà e della democrazia. Un ritratto a molte voci per immortalare la memoria di uno dei grandi italiani del Novecento.

NOVITA' "LA VARIABILE COSTANTE" di VINCENZO MAIMONE

E-mail Stampa PDF

pagg. 224 coll. I Tascabili Noir € 9,90

Isbn 9788875639938

L’efferato delitto di una giovane donna scuote la tranquilla routine settembrina della cittadina barocca di Acireale, adagiata ai piedi dell’Etna. La pista privilegiata è quella del delitto passionale, della lite domestica, una come tante, degenerata in assassinio.Ma forse le cose non stanno proprio in questi termini. Le vicende personali e professionali di Tancredi Serravalle, docente di Storia e Filosofia, incalzato dalla nuova preside, ossessionato dai programmi ministeriali, pungolato senza sosta dall’ironia irriverente del suo demone socratico, e del commissario Giacomo Costante, pendolare per amore della sua passionale dirigente di banca, si intersecano, intrecciandosi in una trama intensa che funge da pretesto per fotografare uno spaccato di realtà e suggerire alcuni spunti di riflessione sulla frenesia della società contemporanea. Una serie di circostanze contingenti, di più o meno fortuite variabili, come pure la morte nel capoluogo lombardo di un pregiudicato, vecchia conoscenza del commissario, spingerà Giacomo Costante ad allargare il fronte geografico e investigativo delle indagini e ad occuparsi di palestre, locali di lap dance, aguzzini ucraini e traffici illeciti tra Acireale e Milano. Un intreccio che coinvolgerà, apparentemente suo malgrado, anche il professor Serravalle.

Vincenzo Maimone (Messina, 1970) si è laureato in Filosofia presso l’Università degli Studi di Messina. È Ricercatore in Filosofia politica presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università di Catania. È autore di vari saggi e articoli su riviste scientifiche e della monografia,  La società incerta. Liberalismo, individui, istituzioni nell’era del pluralismo  (Rubbettino, Soveria Mannelli 2002). Ha pubblicato due romanzi,  Un nuovo Inizio  (Sampognaro e Pupi, 2009) selezionato come semifinalista al Premio Scerbanenco e  L’ombra di Jago (Sampognaro e Pupi, 2011). È appassionato di cucina e ama andare in giro in sella alla sua Harley Davidson.

Pagina 1 di 13